Il concorso “Luoghi di valore” ideato ed organizzato dalla Fondazione Benetton Studi e Ricerche, si affianca idealmente alla campagna di attenzione verso un luogo del mondo, denominata “Premio internazionale Carlo Scarpa per il Giardino”. La rassegna premia in ambito locale i paesaggi, i giardini, gli spazi aperti nei quali, come si legge nel regolamento, “la condizione dei patrimoni di natura, di memoria e di invenzione, sia tale da contribuire alla elevazione della cultura, del gusto, della qualità della vita della persona e delle comunità che li abitano o il visitano”.

La prima edizione del concorso, svolta nel 2007, alla quale ha partecipato Villa Agostini Tiretta, riguardava luoghi di valore situati nel territorio della provincia di Treviso. Le schede predisposte dal pubblico, complete di brevi relazioni e fotografie, sono state da prima, verificate da una Commissione nominata dalla Giuria del “Premio Internazionale Carlo Scarpa”, per poi essere valutate, in ultima istanza, dalla Giuria medesima. Il parco di Villa Agostini Tiretta, figurava tra i centoquaranta luoghi di valore prescelti dal pubblico. Il 2 agosto del 2007, in un pomeriggio particolarmente assolato, la delegazione del concorso, guidata dall’arch. Domenico Luciani e dalla dott.ssa Simonetta Zanon, coordinatrice del progetto, ha passeggiato nel parco, attraversando il giardino delle piante aromatiche ed il viale fiaccheggiato da un insieme armonico di alberi secolari: carpini, cedri, faggi, magnolie, platani, querce, tassi e tigli. Ristorati dall’ombra del parco la delegazione ha ammirato, da diverse angolazioni, le imponenti alberature, la villa, l’oratorio e la campagna circostante.
La Giuria della prima edizione del concorso era composta da Carmen Añòn, Domenico Luciani, Monique Mosser, Ippolito Pizzetti, Lionello Puppi.

Comunicato della Giuria del 20 ottobre 2007
“La giuria del Premio internazionale Carlo Scarpa per il Giardino e del concorso Luoghi di valore ha esaminato i materiali inviati per motivare e illustrare le centoquaranta segnalazioni, esposti nella mostra in corso negli spazi aperti di Palazzo Bomben cura della Fondazione Benentton Studi e Ricerche.(…) Tutti i luoghi segnalati, osservati e descritti con lo sguardo interno di chi ci vive o ci lavora, divengono, nella loro estrema varietà di forme, di dimensioni, di caratteri, materiali indispensabili a portare più avanti la conoscenza delle esigenze, dei linguaggi, dei gusti della comunità, e per questa via a creare condizioni più avanzate per la salvaguardia e la valorizzazione dei nostri luoghi, per la qualità della vita, per le prospettive future delle nuove generazioni. La giuria affida – all’oasi di pediatria – dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso il compito di mascotte dei luoghi di valore, portabandiera di quelli già segnalati e portafortuna di quelli che lo saranno.”

Salviamo Villa Agostini! Difendiamo i luoghi di valore!

Galleria Fotografica+ + + + +