Nell’estate del 2007 Villa Agostini ha ospitato il set del primo cortometraggio d’animazione di Pierre Bourrigault, la pertinenza per qualche settimana si è trasformata in un grande laboratorio audio-visuale dove Pierre e un nutrito gruppo di collaboratori hanno costruito le scenografie e scattato migliaia di fotogrammi utili alla realizzazione del film. Alle prime luci dell’alba un omino raccoglie un uccello ferito, forse già morto, che attraverso una macchina di leonardesca fattura riporta alla vita.
Ci piace pensare che il film di Pierre, interamente realizzato attraverso la complicata tecnica del passo uno, vincitore della categoria animazione del Lago Fest e tra i cortometraggi segnalati dalla giuria del prestigioso Festival Internazionale di Annecy sia una metafora dedicata a tutti quelli che nella vita non accettano le soluzioni irreversibili.